11.03.2019

Prima edizione del festival di traduzione e letteratura «aller-retour» a Olten

Per la prima edizione del festival «aller-retour» traduttori e appassionati di letteratura di tutta la Svizzera si sono dati appuntamento al centro culturale Schützi di Olten. L’evento, organizzato dalla Fondazione ch, vuole promuovere la comprensione tra le regioni linguistiche e la coesione nazionale.

Sabato 9 marzo si è svolta la prima edizione del festival di traduzione e letteratura «aller-retour». I partecipanti, giunti da tutta la Svizzera, hanno potuto vivere in prima persona la diversità linguistica del nostro Paese e avvicinarsi all’attività di traduzione. Il programma col-laterale prevedeva una visita guidata della città e un concerto di world music.

Un festival partito in treno
I partecipanti che hanno raggiunto Olten in treno partendo dalle principali città svizzere hanno potuto apprezzare i primi contributi letterari già durante il viaggio. Nell’Intercity da Basilea, per esempio, lo scrittore Guy Krneta ha letto estratti dal suo romanzo «Unger üs», mentre sull’IR da Berna la traduttrice Yla Margrit von Dach ha parlato del suo lavoro. 

Format originali
Oltre alle tavole rotonde con ospiti come Antoinette Rychner, Leo Tuor e Pedro Lenz, la ma-nifestazione ha saputo farsi apprezzare per i suoi nuovi format. Nel duello di traduzione, la giovane traduttrice Lydia Dimitrow e il suo collega Christoph Roeber hanno messo a con-fronto le loro proposte di traduzione e le hanno difese davanti al pubblico. Questo duello ha permesso di mostrare con un pizzico di humour i rapporti complessi tra le lingue e ha evi-denziato il processo di scelta che contraddistingue la traduzione. Del resto, secondo Leo Tuor, scrittore e traduttore, «nessuno, nemmeno lo stesso autore, si immerge in un testo più del traduttore». Al festival erano presenti una quindicina di traduttori e autori.  

Ampio sostegno
«aller-retour» è sostenuto dalla Fondazione ch per la collaborazione confederale e dai suoi partner Pro Helvetia, la casa dei traduttori Looren e il Centre de Traduction Littéraire dell’Università di Losanna. La prossima edizione del festival è prevista nel 2021.

Foto dell’evento: www.chstiftung.ch/de/aller-retour/impressionen/

Contatto e informazioni
  • Tanja Pete, responsabile del progetto «aller-retour», 031 320 16 25 (raggiungibile lu, ma e gio, 09.00–16.00)
  • Philipp Schori, responsabile settore Fondazione ch, 031 320 30 14


Fondazione ch per la collaborazione confederale
Istituita nel 1967, la Fondazione ch per la collaborazione confederale, cui hanno aderito tutti i 26 Cantoni, promuove lo scambio tra le comunità linguistiche, tutela il plurilinguismo e il multiculturalismo e incoraggia il pensiero federalista. Tra i suoi progetti figurano la Collana ch, che ogni anno pubblica da cinque a otto opere di autori svizzeri in traduzione.